È possibile fare Content Marketing senza un blog?

content marketing senza blog

I blog aziendali sono una delle piattaforme più utilizzate per ospitare e diffondere contenuti. 4 brand su 5 usano il blog come parte della loro strategia. I blog sono anche indicati come la forma più efficace di contenuto per fare Lead Generation, in particolar modo nel segmento B2B nel 2017.
Neil Patel consiglia di creare un blog all’interno del proprio sito e poi di aggiungere altre forme di contenuto per alimentare il traffico e incrementare il tasso di conversione.
Quando parliamo di Content Marketing però, il blog è solo il primo passo.

 

Eventi fisici e Webinar

Qual è la forma di contenuto più efficace per il B2B, capace di soddisfare al meglio tutti gli obiettivi di marketing? Stando alla ricerca B2B Content Marketing Benchmarks, Budgets, and Trends 2016, la forma più efficace non è la pubblicazione di articoli sul blog, ma sono gli eventi fisici. Il 75% dei marketer B2B dicono che gli eventi fisici rappresentano la tattica più efficace. Al secondo posto troviamo i webinar.

2b2 contenuti efficaci

Cosa hanno in comune eventi fisici e webinar? L’interazione umana. Creano una situazione favorevole al networking e quindi alla creazione di relazioni. E questo è il contesto in cui le aziende possono dare un volto ai loro servizi costruendo fiducia con i clienti. Queste situazioni inoltre sono un’opportunità per saperne di più sui propri clienti. Si possono conoscere quelle che sono le preoccupazioni e le aspettative dei clienti, informazioni che non si trovano in un semplice sondaggio in cui si richiede un feedback ai clienti.
Il vantaggio più significativo di eventi e webinar è la loro capacità di stabilire autorevolezza. Un evento di successo vale più di centinaia di blog post pubblicati.

 

Newsletter

Cosa succede nel marketing B2C?
Uno studio recente sui trend relativi al Content Marketing in Europa che ha coinvolto 2600 marketer appartenenti a settori diversi, ha evidenziato come i blog post o articoli seguiti dalla newsletter siano le forme di contenuto più efficace.
Un’altra indagine sempre dedicata al settore B2C ha dimostrato come proprio la newsletter (seguita dagli eventi fisici) sia lo strumento più efficace.

 

formato content marketing

 

Insomma, le newsletter inviate via email ricoprono un ruolo chiave nel nutrimento (nurturing) dei lead. La newsletter viene utilizzata per mantenere alto l’interesse dei propri contatti educandoli allo stesso tempo all’interno del proprio funnel di marketing. Sono anche un ottimo strumento per conservare i clienti già acquisiti. Questo è il modo perfetto per inviare offerte dedicate, per riattivare vecchi utenti o ricompensare clienti esistenti.

Qual è la frequenza migliore con cui inviare una newsletter? I blogger di maggior successo inviano una newsletter settimanale per segnalare le ultime pubblicazioni.
Che sia settimanale, mensile o trimestrale – a seconda della tua frequenza di pubblicazione – l’importante è che sia consistente.

 

Visual Content Marketing

Che ne è del video marketing? E delle infografiche?
Aspettando che i contenuti visivi vengano nominati come i più efficaci, sono già in molti gli esperti che li danno per favoriti. Entro il 2019 si prevede rappresenteranno l’80% di tutto il traffico web e negli USA questo dato potrebbe arrivare all’85%.
Il formato video è conosciuto per il suo potere nelle tattiche di inbound marketing.

Quasi il 65% delle persone con potere decisionale nel business, visitano il sito di un brand dopo aver visto un loro video e il 39% contatta il venditore.
Se la società del 21mo secolo continua nel suo tentativo di muoversi alla velocità della luce, la comodità del video lo rende il mezzo perfetto per comunicare con i consumatori che non hanno tempo per il blog.

Le infografiche come le presentazioni online, sono altri strumenti di Content Marketing che si stanno diffondendo sempre più. Come accade per il formato video rendono semplice la fruizione dei contenuti che contengono.
Sono inoltre facilmente condivisibili aumentando l’engagement sui social media ed aiutando la tua strategia SEO ad ottenere backlink.

 

Social Media

Alcuni brand usano i social media nella loro strategia di Content Marketing al posto del blog. Se post su Instagram e articoli su Linkedin forse non sono il mezzo più potente per generare vendite, i social è dove è possibile ottenere interesse diventando rilevanti per l’utente.

Ecco come un brand può restare attuale e nella mente dei suoi consumatori:

  • Notizie e aggiornamenti, offerte e blog post
  • Customer Service (il 59% degli americani pensa che i social abbiamo reso più semplice ricevere assistenza)
  • Reach: il modo più semplice per raggiungere un pubblico maggiore è quello di sfruttare i contenuti sui social media

 

Contenuti basati sulla ricerca (search based content)

Casi studio, white paper e ebook. Questi sono la ciliegina sulla torta in una strategia di contenuti. Forse non sono affascinanti e non sono fondamentali per la condivisione, ma sono utili e potenti. È questo il contenuto di valore che può facilitare la conversione e ribadisce al tuo pubblico che il tuo è un brand degno di attenzione e con cui fare affari.

  • I casi studio in particolare sono il materiale ideale per ottenere riprova sociale. Questo perché forniscono una prova inconfutabile della validità di prodotti o servizi venduti.
  • I white paper vanno più in profondità di un blog post rivelando informazioni e dati sostenuti dalla ricerca. Contribuiscono a rinforzare l’autorevolezza di un marchio.
    È possibile poi riproporre i contenuti di un white paper attraverso blog post e ottenendo così un ritorno maggiore dall’investimento iniziale.
  • Gli ebook sono tutti quelli elencati sopra, possono essere composti da una serie di blog post accomunati da una tematica comune. Oppure possono approfondire una tematica con una ricerca di settore o mostrando un caso studio. Gli ebook rappresentano inoltre la possibilità per utilizzare in maniera più attenta il design rendendo il contenuto ancora più invitante per il pubblico.

 

I blog sono la spina dorsale del tuo Content Marketing

Quelle elencate sono solo alcune delle alternative al blog. Ce ne sono molte altre come app, podcast, giochi online, quiz… Può una strategia di Content Marketing avere successo senza un blog?
Se è vero che il blog rappresenta solo una delle tante forme di contenuto, rappresenta l’elemento centrale nella strategia di molti marketer.
Il blog è dove generiamo traffico organico, creiamo una connessione con i consumatori e facciamo sapere al mondo quanto vale il nostro brand. È anche il posto dove parliamo dei nostri webinar o eventi dal vivo, e il posto dove mandiamo  gli utenti attraverso un link quando parliamo con loro in una email o sui social media. È il posto dove integriamo i nostri contenuti visivi e dove mostriamo white paper ed ebook da scaricare. Il blog è la vera spina dorsale.
Cosa ti succederebbe se non avessi la spina dorsale? Perché farlo accadere al tuo marketing?


*Questa è la traduzione di un articolo scritto da Michael Brenner e disponibile nella sua versione originale a questo link https://marketinginsidergroup.com/content-marketing/content-marketing-without-blog-possible/

The following two tabs change content below.
Papà di Matilde e Ludovico. Aiuto aziende e professionisti a trovare nuovi clienti senza investire in pubblicità. Lo faccio costruendo una strategia di Content Marketing che sfrutta il blog aziendale come strumento principale.

Nessun commento

Lascia il tuo commento