Blog e marketing tradizionale offline [consigli pratici]

blog marketing tradizionale

Da quando mi occupo della gestione di blog aziendali mi sono confrontato diverse volte con alcune obiezioni comuni e legittime che provengono da tutte quelle figure aziendali che con il marketing hanno a che fare da decenni.

Personalmente non vedo in contrapposizione le soluzioni di promozione offerte dal web e quelle legate al mondo offline, ma so bene che non è raro trovare professionisti dell’online che si dimostrano scettici verso qualsiasi soluzione offline e viceversa, professionisti del marketing tradizionale che respingono a priori ogni novità che arrivi dal web.

La mia opinione è che i risultati stiano nel mezzo, infatti solo con un uso saggio di offline e online si ottengono i risultati migliori.

Il blog, pensandoci bene si colloca proprio a metà di questi due mondi.
Da una parte il vantaggio di una piattaforma online, facilmente gestibile e aggiornabile in modo semplice. Dall’altra i contenuti che appartengono all’azienda da sempre e che possono essere finalmente valorizzati con articoli e approfondimenti. Si tratta in pratica di far uscire dall’azienda le competenze e le informazioni a cui per anni il consumatore non ha potuto accedere.

 

Sfrutta le competenze offline all’interno del blog aziendale

Ecco ad esempio quello che potrebbe essere un utilizzo saggio del blog aziendale.
Pensa a tutto il materiale che viene prodotto in azienda per:

  • Presentazioni (per partner o clienti)
  • Risposte ad obiezioni comuni
  • Proposte commerciali
  • Formazione interna (tecnica/rete commerciale)
  • Casi studio documentati ad uso interno
  • Cataloghi e brochure

 

Si tratta di alcune attività che per molte aziende rappresentano la normalità: produrre contenuti in questo modo è naturale.
Non valorizzare queste risorse attraverso un blog significa però perdere una doppia opportunità:

  1. Non spremere fino all’ultima goccia l’investimento di tempo fatto per produrre questi contenuti
  2. Non raggiungere potenziali clienti che è difficile raggiungere offline, ma semplice raggiungere online

Ovviamente i contenuti menzionati richiedono un adattamento, ma sarà facile constatare come in questo modo il grosso del lavoro sarà già svolto. Lo sforzo di adattamento sarà minimo.
Questa rappresenta una perfetta integrazione tra offline e online, facendo così lavorare due mondi verso lo stesso obiettivo: raggiungere potenziali clienti con informazioni utili e ottenere la loro fiducia.

 

Allo stesso modo le risorse impiegate per il marketing offline possono diventare una risorsa preziosa per promuovere il tuo sito e il tuo blog.

Esistono infatti tutta una serie di soluzioni fisiche che le aziende utilizzano ancora oggi e che restano vitali proprio per la loro efficacia.

Penso a tutte quelle attività di comunicazione e marketing come ad esempio:

  • Biglietti da visita
  • Volantini
  • Cataloghi
  • Gadget promozionali

In tutti questi casi possiamo utilizzare questi strumenti come semplici oggetti di branding per ricordare il nome della nostra azienda e il nostro loro, oppure sfruttare pienamente il loro potenziale creando un contatto diretto per far passare i clienti da un supporto fisico a un contesto online.

 

Perché non includere anche l’indirizzo del nostro blog?
Non è un’idea sbagliata, in questo modo sfrutteremmo uno strumento tradizionale come il biglietto da visita, per veicolare l’interesse del cliente verso una piattaforma che per forza di cosa sarà in grado di fornire informazioni più complete e costruire un rapporto di fiducia con il cliente.

Come vedi la cosa richiede uno sforzo minimo, ma genera un risultato notevole col tempo.

biglietti da visita blog

Non farlo significa perdere un’opportunità che abbiamo sotto al naso e questo perché esistono alcuni strumenti tradizionali che appartengono alla comunicazione di ogni tipo di business. In altre parole ogni azienda ha la necessità di utilizzare biglietti da visita e per questo sfruttarli integrando online e offline non richiede nuovi investimenti, ma garantisce benefici che altrimenti andrebbero persi.

 

Come applicare questi consigli al tuo business

Pensa a tutte le attività che utilizzi per comunicare in modo tradizionale.
Fai una lista completa e individua dove potrebbe essere integrata facilmente una semplice menzione alla tua attività online.

Attenzione: non disperdere però l’attenzione del cliente segnalando troppi riferimenti, concentra piuttosto la sua attenzione su un unico obiettivo così da assicurarti il suo massimo coinvolgimento. In questo senso il blog aziendale è lo strumento migliore da promuovere perché rappresenta un punto di atterraggio ideale per chi ancora ti conosce poco. È infatti uno strumento che se gestito correttamente offre il massimo valore percepito al cliente.

N.B. Parlo della gestione di blog aziendali e della loro integrazione con le attività di marketing, nel mio libro “Come Vendere con il Blog Aziendale”. Scarica l’anteprima gratuitamente a questa pagina.

The following two tabs change content below.
Papà di Matilde e Ludovico. Aiuto aziende e professionisti a trovare nuovi clienti senza investire in pubblicità. Lo faccio costruendo una strategia di Content Marketing che sfrutta il blog aziendale come strumento principale.

Nessun commento

Lascia il tuo commento