Perché è fondamentale avere un blog responsive

blog responsiveCon la costante crescita del traffico da dispositivi mobili, oggi un sito web con design responsive è un must have per tutti quanti ne possiedono uno: scopriamo in questo articolo il perché!

Hai un sito web oppure stai curando un blog?
Assicurati che si tratti di un sito responsive, ovvero in grado di adattarsi alle diverse risoluzioni e dimensioni dei display.
Si tratta di un accorgimento oggi essenziale, poiché una gran fetta di utenti ormai si collega costantemente da device mobili, e non vorrai mica lasciarteli scappare per una visualizzazione sballata del tuo sito web, vero?
 

Cos’è un design responsive

Partiamo dal principio: cosa vuol dire un sito web con layout responsive?
Responsive è un termine inglese, che in italiano possiamo tradurre come “adattivo”, che è proprio ciò che fa un sito responsive: si adatta alle diverse esigenze dei display sui quali viene visualizzato.

Non si tratta, però, di un semplice resize dell’intero sito, quanto di una particolare funzione che è in grado di migliorare l’esperienza utente durante la navigazione in un sito web, sia che ci si colleghi da desktop che da mobile.

Esempio layout responsive
 
Un design responsive riesce a facilitare la lettura e la navigazione web evitando all’utente di zoomare, pinchare e scrollare di continuo sullo schermo, offrendo un’esperienza facilitata ed efficace. Non è necessario creare diverse versioni dello stesso sito web per device differenti, quanto programmare la struttura del sito in modo tale da riuscire a spostare gli elementi principali della schermata, e offrirli in modo ordinato e funzionale a chi si trova dall’altra parte dello schermo. Qualunque esso sia.

Nello specifico, un design responsive permette di:

  • Adattare il layout del sito a qualsiasi risoluzione e grandezza dello schermo
  • Nascondere gli elementi superflui, come widget poco funzionali alla fruizione da mobile
  • Adattare le immagini per una corretta visualizzazione anche su display più piccoli
  • Alleggerire le stesse immagini per permettere un caricamento più veloce e pratico
  • Interagire con un’interfaccia touchscreen, ormai fondamentale per l’utilizzo di device mobili

 

Perché è così importante avere un blog responsive?

Se ti stai ancora chiedendo l’utilità di questo tipo di design per il tuo sito web, allora è proprio necessario scendere nei particolari e fornirti informazioni precise, per farti comprendere appieno la rilevanza di una progettazione del tuo sito in tal senso.

Il numero di utenti che si collegano a internet da un device mobile è sempre maggiore, e nel 2015 ha superato di molto il numero di connessioni da desktop, per un totale di circa 1.9 miliardi di connessioni da mobile contro i “soli” 1.6 miliardi da desktop.

È la prima volta nella storia che le connessioni ad internet da mobile sorpassano quelle da desktop, e il motivo è da ricercarsi nell’utilizzo stretto che facciamo di smartphone o tablet: una ricerca rivela che controlliamo lo smartphone circa 150 volte al giorno, e nell’interagire con il cellulare è inevitabile la connessione a internet.
 

Il 25% degli utenti si collega a internet solo con device mobili

A ciò si aggiunga che ben il 25% degli utenti connessi in rete ormai si collega ad internet solo ed esclusivamente con un device mobile: questo dato indica che 1 utente su 4 ha abbandonato la navigazione dal computer, fisso o portatile che sia, a favore di un collegamento attraverso l’ormai fido compagno di vita, lo smartphone.

Lo sappiamo tutti, lo smartphone è una porta aperta sull’infinito universo di informazioni esistenti online, e lo usiamo davvero dappertutto: in treno, durante la pausa caffè, a pranzo, a cena, per strada, e anche al bagno – cose un po’ difficili da farsi con un computer in braccio, no?

E tutto ciò vale anche per tablet o phablet che sia, trascorriamo molto più tempo connessi con lo smartphone navigando su siti web che da pc, e non a caso lo scorso anno il numero di smartphone ha superato definitivamente il numero di pc utilizzati nel mondo.
 

Oggi si naviga da mobile: lo dice Google

È Google stessa a fornirci questi preziosi dati, confessandoci anche che il 65% delle conversioni su internet iniziano da mobile e finiscono da un’altra parte.
Ciò vuol dire che più della metà delle azioni che vuoi che i tuoi utenti compiano sul tuo sito iniziano prima di tutto da uno smartphone o da un tablet!

Infine, scopriamo che il 22% degli utenti che si collegano da uno smartphone abbandonano il sito web se questo presenta problemi di visualizzazione. Per questo motivo non si può rinunciare a priori alla grande mole di utenti che si collegano a internet da mobile, esigendo una buona e fruibile navigazione sul sito.

Sono riuscita a convincerti dell’incredibile potenzialità, e ormai necessità, di un sito web responsive?
Allora cerchiamo di capire come funziona questo tipo di struttura per il tuo sito.
 

Come funziona il meccanismo adattivo

Sono certa che arrivato a questo punto ti starai chiedendo:

“Com’è possibile che un sito progettato per i computer riesca ad adattarsi anche alle dimensioni ridotte del display di uno smartphone?”.

Magie del codice, che è in grado di riconoscere da quale terminale si è connesso un utente e a fornirgli la versione migliore per la sua visualizzazione.

Senza scendere troppo in complessi dettagli tecnici, in linea generale possiamo dire che il codice HTML del tuo sito resta lo stesso, ma a cambiare in base al device di provenienza sono i cosiddetti fogli di stile, in base alla definizione dei “breakpoint”.

Questi ultimi, sono delle interruzioni del codice, oltre le quali cambia la visualizzazione del sito web: in soldoni, tutto ciò significa che un sito responsive è capace di stabilire lo spazio a disposizione del browser (che risulta più o meno grande a seconda se ci si collega da pc, tablet o smartphone), e in base a questo riesce a proporre una visualizzazione ideale, spostando i diversi elementi fondamentali del sito, e adattandoli alla grandezza dello schermo.
 

Verifica la situazione del tuo sito web

Non sei sicuro che il tuo sito web sia responsive o meno?
Corri ai ripari facendo una veloce verifica, esistono diversi servizi capaci di mostrarti la visualizzazione del tuo sito web sui vari dispositivi, ma qui te ne consiglio uno in particolare chiamato Am I Responsive.

Per fare il test non dovrai fare altro che collegarti al sito Am I Responsive e inserire l’indirizzo del tuo sito web (compreso di protocollo http://) nella stringa See your site responsive.
Con un click sul pulsante Go! potrai avere a portata di mano tutte le diverse visualizzazioni del tuo sito su desktop, laptop, tablet e smartphone, e scrollare verso il basso per capire se ci sono problemi su cui intervenire tempestivamente.

Stai già valutando un nuovo template responsive per il tuo blog?

CONVERTI I LETTORI DEL BLOG IN CLIENTI

La formula in 7 passi per un blog che produce nuovi clienti [REPORT]

Inserisci la tua email e scarica subito il Documento Gratuito:

*Acconsento al trattamento dei dati personali

I tuoi dati sono al sicuro e trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003. - Privacy Policy

The following two tabs change content below.
Web Content Editor appassionata di tecnologia e scrittura, esperta di comunicazione online. Nel tempo libero amo leggere, scrivere liberamente, ascoltare musica ma anche strimpellare la chitarra o scorrazzare insieme ai miei cani.

6 Commenti

Luca

about 2 anni ago

Sono pienamente d'accordo. Dall'analisi del mio blog è evidente che molti utilizzano lo Smartphone per navigare su internet. Dunque ho previsto una visualizzazione apposita per il mobile ottimizzata.

Rispondi

Alessio Beltrami

about 2 anni ago

Ciao Luca, in effetti quello che dovremmo fare tutti è proprio dare un occhio ai dati di Google Analytics per capire nel dettaglio cosa succede sul nostro blog e regolarci di conseguenza.

Rispondi

Maria Grazia Tecchia

about 2 anni ago

Ciao Luca, e saranno sempre di più gli utenti che si collegheranno da mobile! Quindi ben fatto, perché mai lasciarsi sfuggire una grossa percentuale di utenti? ;)

Rispondi

Fausto Turco

about 2 anni ago

Sempre preciso, chiaro , mai banale, ma di valore

Rispondi

Alessio Beltrami

about 2 anni ago

Ciao Fausto, grazie. I complimenti questa volta vanno a Maria Grazia che ha scritto l'articolo.

Rispondi

Maria Grazia Tecchia

about 2 anni ago

Onorata, grazie!

Rispondi

Lascia il tuo commento