7 azioni per migliorare subito traffico e conversioni sul tuo blog aziendale [a costo zero]

migliorare traffico blog aziendale

Un blog aziendale di successo ha bisogno di visitatori che compiano azioni precise per ridurre la distanza che li separa dall’azienda.

Per questo, quello su cui devi lavorare sono dei contenuti pensati per generare visitatori e per portarli in modo naturale a compiere alcune azioni.

Questo è un ragionamento generale che si sposa con qualsiasi tipo di blog aziendale e che contribuirà al suo successo indipendentemente dall’argomento trattato, dal settore o dalla natura del prodotto/servizio.

Se hai già un blog aziendale attivo ci sono alcune azioni a costo zero che possono aiutarti a ottenere più visitatori, ma soprattutto a migliorare i risultati che stai già ottenendo dai tuoi visitatori attuali.

Prenditi una giornata per fare il tagliando al tuo blog aziendale, ne vale la pena perché ognuno dei 7 punti che ho elencato richiederà un impegno minimo da parte tua e continuerà a produrre risultati nel tempo senza più richiedere il tuo tempo.

Inoltre, si tratta di azioni gratuite (non devi spendere soldi), poco impegnative (non ti richiederanno troppo tempo) e facilmente eseguibili anche senza grandi competenze tecniche.

7 azioni per migliorare traffico e conversioni sul tuo blog

 

1. Authorbox box

L’Author Box è un plugin che appare in automatico alla fine di ogni articolo comunicando al lettore chi sei e cosa fai.

Non utilizzarlo significa privare il lettore di un’informazione importante che ha direttamente a che fare con la possibilità che lui faccia ciò che gli chiedi.
Infatti, se ho tutti gli elementi per identificare il mio interlocutore, se conosco la sua faccia, conosco il suo nome e posso approfondire raccogliendo informazioni sui suoi profili social, sarò più propenso a fidarmi di lui. Avrò più elementi per valutare chi c’è dall’altra parte del monitor.

Anche se i tuoi articoli sono già firmati con il tuo nome utente (il nome e cognome associato al tuo profilo utente) l’Author Box accelera il processo di fiducia dal lettore verso l’autore. Possiamo dire che l’Author Box accorcia la distanza tra cliente e azienda.

Esistono diversi plugin gratuiti che svolgono questa funzione, io uso Fancier AuthorBox, ma scegli quello che ti sembra più adatto alle tue esigenze.

ATTENZIONE: Più volte ho visto utilizzare degli Author Box “fai da te”. Realizzati graficamente e incollati come immagine alla fine dell’articolo. Non è la soluzione che ti consiglio. È macchinosa, quasi mai gradevole dal punto di vista estetico e difficile da gestire negli aggiornamenti. Infatti se tu dovessi cambiare anche pochi dettagli della tua breve descrizione dovresti sostituire manualmente l’immagine in questione su tutti gli articoli. Con un plugin dedicato invece, modificando dal pannello di controllo fotografia e informazioni, tutti i post verranno aggiornati in automatico.

Qui trovi gli Author Box disponibili per WordPress

Questo è il mio Author Box , contiene tutte le informazioni di base per comunicare chi sono al lettore.

Questo è il mio Author Box , contiene tutte le informazioni di base per comunicare chi sono al lettore.

 

2. Related post

I plugin che suggeriscono in automatico post correlati alla fine dell’articolo, offrono una funzionalità utile e pratica. In automatico il plugin sceglie quali post suggerire al lettore alla fine dell’articolo.

Qui trovi i plugin dedicati alla funzione Related Post disponibili per WordPress

Perché sono utili per il tuo blog aziendale?

  • Offrono un suggerimento che aiuta il lettore a trovare altri contenuti interessanti
  • Aumentano il tempo medio di permanenza sul tuo blog (più articoli letti corrispondono a più informazioni che vengono trasferite al lettore)

Non integrare questa funzionalità gratuita significa perdere per strada molti lettori che pur avendo trovato interessante un tuo articolo non trovano altri spunti per continuare a leggere.

 

3. Meta description

Un buon contenuto sa farsi leggere fino alla fine e conduce il lettore a compiere azioni precise, ma come portare i lettori sul nostro blog?

Quando i tuoi contenuti vengono indicizzati da Google e appaiono nei risultati di ricerca oppure quando vengono condivisi sui Social Network e appaiono sulla bacheca degli utenti ciò che vedrà il lettore è un estratto del tuo articolo. Quelle poche informazioni sono quelle che un nuovo lettore ha a disposizione per valutare se valga o meno la pena approfondire. Per questo dedicare tempo alla personalizzazione della meta description di ogni articolo significa aumentare la possibilità di ricevere più visite (più potenziali clienti) sul tuo blog.

meta description blog non personalizzata

Dal pannello di controllo del tuo blog la meta description è facilmente personalizzabile su tutti i CMS (piattaforme di blogging), io con WordPress utilizzo Yoast SEO, ma indipendentemente dal singolo plugin è la personalizzazione che conta. Quindi, ricordati di personalizzare ogni articolo in modo che le poche informazioni contenute nell’estratto visibile sui social e nei risultati di ricerca di Google siano convincenti per portare il lettore a cliccare e leggere l’intero articolo direttamente sul tuo blog.

meta description blog personalizzata

4. Ripensa alle categorie

Se hai già impostato le categorie del tuo blog chiediti se aiutino davvero il lettore a orientarsi tra le tematiche principali che tratti.

Se non lo hai ancora fatto pensa a come facilitare la vita del lettore guidandolo attraverso gli argomenti principali che tocchi abitualmente sul tuo blog.

corsie supermercato categorie blog

Senza entrare in considerazioni tecniche aiutati con un esempio che appartiene alla nostra quotidianità: le corsie del supermercato. I supermercati sono organizzati per fare in modo che i clienti possano trovare facilmente i prodotti che cercano. Per questo sono organizzati in corsie tematiche. In quel caso l’obiettivo è acquistare della merce, nel nostro caso l’obiettivo è rendere disponibili informazioni nel modo più semplice.

Le “corsie” del tuo blog sono organizzate in modo da facilitare la vita al lettore?

→ Ne parlo anche in questo video dedicato alle categorie del blog.

5. Analizza i dati di navigazione

Come sta andando il tuo blog aziendale? L’unico modo per rispondere in modo preciso a questa domanda è misurare costantemente i dati e Google Analytics te ne mette a disposizione molti per comprendere davvero come si comportano i tuoi lettori.

Esci quindi dalla valutazione puramente numerica (X visite mese) e inizia ad analizzare i comportamenti dei tuoi lettori.

Qualche spunto per iniziare…

  • Quali sono gli articoli maggiormente letti
  • Quali articoli registrano un tempo medio elevato (l’utente sta molto tempo sulla pagina in questione)
  • Quali articoli registrano un tempo medio ridotto (l’utente lascia la pagina dopo pochi secondi)

Questi sono solo alcuni dei parametri che potresti iniziare a valutare per migliorare i contenuti esistenti e futuri. Abituarsi ad analizzare i dati è ciò che ti permette di passare da una strategia basata sul “secondo me” a una strategia basata su dati oggettivi.

 

6. Link building interna

Premessa: non è mia intenzione approfondire il tema della Link Building Interna dal punto di vista tecnico. Prendi questi consigli come uno spunto e approfondiscili se vuoi acquisire competenze avanzate sul tema (in coda ti metto alcuni link di riferimento sulla Link Building Interna).

Il concetto è semplice: puoi e devi creare dei collegamenti interni tra gli articoli presenti sul tuo blog.

In pratica: fa bene al lettore che trova dei collegamenti diretti con argomenti da approfondire e fa bene a Google che riceve un’informazione importante sulla pertinenza dei tuoi contenuti con certe parole chiave.

Questa è un’operazione che ha senso di essere eseguita quando hai già diversi articoli online.

ESEMPIO DI LINK BUILDING INTERNA

Hai un blog dedicato ai prodotti per il giardinaggio. Affronti argomenti come la scelta di un taglia erbe, la manutenzione di un taglia erbe, la manutenzione di un pota siepi ecc Col tempo diventa naturale fare riferimento ad argomenti che hai approfondito in un articolo precedente. A questo punto parlando della scelta del taglia erbe e facendo una considerazione su quelli che richiedono più manutenzione potresti inserire un link interno che collega l’articolo sulla scelta del taglia erbe all’articolo sulla manutenzione del taglia erbe.

Se vuoi capire nei dettagli come fare Link Building Interna puoi leggere questi articoli che affrontano l’argomento in modo approfondito:

 

7. CTA finale

Non associare il concetto di CTA a una proposta commerciale. La CTA – chiamata all’azione – è quel momento in cui tu dici al lettore cosa fare nel suo stesso interesse. Una CTA infatti funziona se rappresenta per il lettore un’azione conveniente per lui.

Non devi vendergli nulla, per questo è perfetta anche in un blog aziendale. Dove vuoi portare il tuo lettore? È lì che dovrà guidarlo la CTA contenuta nell’articolo.

  • iscriversi alla newsletter
  • lasciare un commento
  • scaricare un report
  • prenotare un test gratuito

sono tutte CTA perfette se in linea con i tuoi obiettivi.

 

Puoi iniziare e subito e vedere i primi risultati nell’immediato. Ogni giorno che passa senza che tu abbia migliorato questi 7 punti sarà un giorno in cui avrai perso visite e conversioni. Agisci subito!

CONVERTI I LETTORI DEL BLOG IN CLIENTI

La formula in 7 passi per un blog che produce nuovi clienti [REPORT]

Inserisci la tua email e scarica subito il Documento Gratuito:

*Acconsento al trattamento dei dati personali

I tuoi dati sono al sicuro e trattati in piena conformità alla Legge sulla Privacy n.196/2003. - Privacy Policy

The following two tabs change content below.
Papà di Matilde e Ludovico. Aiuto aziende e professionisti a trovare nuovi clienti senza investire in pubblicità. Lo faccio costruendo una strategia di Content Marketing che sfrutta il blog aziendale come strumento principale.

2 Commenti

MySerendipity

about 1 anno ago

Grazie Alessio per i tuoi preziosi consigli, passo subito all'azione! Buona giornata

Rispondi

Alessio Beltrami

about 1 anno ago

Grazie a te! A presto ;)

Rispondi

Lascia il tuo commento